I ringraziamenti di Coach Vanossi - ASD TURBIGO BASKET

Vai ai contenuti

I ringraziamenti di Coach Vanossi

Ed eccoci ad un nuovo consuntivo alla fine di quest’anno sportivo.
È stato un anno duro, ricco di soddisfazioni, ma anche di delusioni (penso alle sconfitte ai playoff e alla  stagione degli Under 13) come in quasi tutte le stagioni e per quasi tutte le squadre, tranne una, quella che vince. Ma, come sempre, per fortuna, nello sport quando si lavora duramente non si butta mai il tempo.  Le positività hanno largamente superato le cose negative: il minibasket, grazie all’impegno di Ricky e dei suoi assistenti ( Stefi, Andre e Simo) è sempre ricco di soddisfazioni e veicolo di vivacità. Gli Under 13 si sono preparati duramente all’esordio del prossimo anno nella “pallacanestro vera” un po’ diversa dal minibasket. Finalmente l’anno prossimo torneremo da avere una squadra giovanile (U14) e questo è molto importante per una società! Questo significa che richiederò un ulteriore impegno sia a me stesso che ai ragazzi.
La stagione della Prima squadra è stata positiva, forse dovevamo fare di più in stagione regolare, x avere un cammino play off più agevole e trovare Parona in finale anziché semifinale ma credo che in una serie non saremmo mai riusciti a sconfiggerli: troppa differenza di talento. Dobbiamo imparare dagli errori e fare l’anno prossimo il Campionato Perfetto.
Per finire, i più che dovuti ringraziamenti, prima di tutto al mio fido Ricky, sempre indispensabile ed infaticabile; a tutto lo staff, sempre (o quasi!) lucido artefice di tutto quanto necesssario per una buona riuscita di una gara, permettendo alla squadra di poter concentrarsi solo sulle partite ed allenamenti. Grazie anche ad Edo, che come giovane “Trice” (copyright della giovanissima figlia di Stefano Antonetti che una quindicina di anni fa coniò  il termine riferito ad un allenatore dell’allora Merlett Legnano) ci ha aiutato molto durante il lavoro individuale in allenamento. Infine, ma non per minore importanza, anzi, un sentito ringraziamento (anche a nome di tutti i miei giocatori) a tutto il pubblico e supporter (grandi, ma soprattutto piccoli) della squadra che ci sono stati sempre vicini, creando un ambiente calorosissimo, al limite della commozione. Tutti noi porteremo nel cuore il calore delle gare di playoff. Continuo a pensare che con un palazzetto degno di questo nome faremmo invidia anche a società ben più in alto di noi. Never give up.
 

Coach Fabio Vanossi


Torna ai contenuti